Stampa

Gennaro Di Monaco (1739-1817)

Scritto da Luigi Russo. Postato in Personaggi storici

notaio

Gennaro nacque nel casale di San Prisco nel 1739 circa da Berardino del quondam Pietro e da Angela Santoro. Il padre nel 1754 in occasione della formazione del Catasto Onciario affermò di essere farinaro e anche vaticale, di avere 45 anni e di vivere con la moglie e il figlio Gennaro in una casa di abitazione che confinava con i beni di Francesco Cerullo e la via pubblica. Berardino affermava di possedere due cavalli e tre somari per la sua attività e di avere 80 ducati impiegati nel suo mestiere di farinaro. A quell’epoca Gennaro, pur non provenendo da una famiglia benestante, era studente e frequentava la Scuola delle Lettere in Santa Maria Maggiore.

 

In seguito continuò gli studi, imparò a suonare l’organo e fu organista della Chiesa parrocchiale del casale per tanti anni, ma soprattutto continuò a studiare e intraprese la carriera notarile divenendo giudice a contratti, poi notaio e ricoprendo per moltissimi anni la carica di cancelliere dell’Università di San Prisco e poi del Comune.

Egli sposò Chiara Baja, figlia del magnifico Francesco, speziale di medicina del casale, e di Angela Ragozzino, dalla quale nel 1778 ebbe il figlio Giuseppe che visse sempre con i genitori nella casa di Vicolo Campanile.

Nel febbraio del 1790 don Giuseppe Monaco, rettore curato della Chiesa Parrocchiale di San Prisco, gli concesse 9 moggia di terreno seminatorio in enfiteusi perpetua nella località Starzetella con un canone annuo di 56 ducati.

Esercitò la sua attività di notaio prima alternandosi col notaio Francesc’Antonio di Monaco, poi col figlio Nicola Maria di Monaco.

Morì il 5 agosto del 1817 nella sua casa di Vicolo Campanile lasciando la moglie e il figlio Giuseppe. Due anni più tardi morì nella medesima abitazione anche il figlio don Giuseppe di Monaco alla giovane età di 41 anni.

 Nel 1776 nacque il primogenito Pietro che sposò Carmina Scialla, nata in Casanova dal notaio Vincenzo e donna Antonia Caneo. I due andarono ad abitare nella casa di Strada Piazza.

Il 21 luglio del 1832 morì Carmina Scialla moglie di Pietro all’età di 56 anni nella casa di Strada Piazza.

I figli di Pietro di Monaco e Carmina Scialla furono: donna Giovanna Maria Giuseppa e donna Anna Maria. Giovanna Maria Giuseppa nacque nel 1807 circa e nel 1844 sposò don Vincenzo Francesco Giovanni Portolano, possidente di Capua. Anna Maria nacque nel 1812 circa si sposò con don Francesco Luigi de Frenze, possidente nato in Napoli, ma domiciliato in Santa Maria Maggiore. 

 Altri figli del notaio furono Gabriele nato nel 1785 circa e Berardino nato nel 1791 circa. Gabriele sposò nel 1819 Emanuela Biggiero e Berardino sposò Maria Giuseppa di Rienzo nel 1815.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza i cookie per una migliore esperienza di navigazione.

Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.

Approvo