Stampa

Carlo Pellegrini

Scritto da Luigi Russo. Postato in Personaggi storici

patrizio capuano

 

Un altro importante personaggio che visse e fu legato a San Prisco fu Carlo Pellegrini, che nacque in Capua il 26 settembre 1772 da Pompeo del quondam Gaspare e Lucia Torelli dei baroni di Romagnano.

 

Nel 1754 il nonno don Gaspare Pellegrino del fu don Pompeo, patrizio capuano, viveva in Capua con D. Isabella di Caprio, moglie di 44 anni, don Pompeo, figlio di 21 anni (padre di Carlo), il clerico don Cristofaro, figlio di 15 anni, don Nicola,

figlio di 14 anni, don Camillo, figlio di 13 anni, D. Maria Grazia, figlia di 16 anni, D Teresa Menecillo, zia “privilegiata napoletana” di 78 anni, D. Caterina Menecillo, zia di 70 anni, e D. Antonia di Caprio, cognata “in capillis” di 43 anni.

I Pellegrino abitavano in una casa di loro proprietà di più camere superiori e inferiori con un piccolo giardinetto nel ristretto della parrocchia di San Salvatore Maggiore, confinanti coi beni della medesima parrocchia e del marchese di Montanara. Don Gaspare aveva in Capua anche una masseria di fabbrica con torretta con circa 100 moggia di territorio “fenile” nella località denominata al Pellegrino. Inoltre, possedeva diversi beni nei casali di Musicile, Macerata e S. Prisco. In quest’ultimo casale aveva 5 moggia e 11 passi di terreno nella località a’ Cisterna, confinanti coi beni di Massimilio Salzano e quelli di Alessandro d’Angelo.

Studiò in Capua e fu apprezzato come giovane di alta intelligenza e finissima cultura.

Nel 1799 in seguito al divulgarsi delle idee repubblicane francesi divenne fervente repubblicano ad Alessandro d’Azzia di Capua, al canonico Francesco Perrini di Curti e al vescovo Michele Natale di Casapulla. Caduta la Repubblica Napoletana il Pellegrini si rifugiò con i suoi amici fino al 28 luglio nella fortezza di Capua, quando la città venne resa alle truppe alleate. Il 29 luglio il Pellegrino, con i predetti amici uscirono da Capua vestendo la divisa dell’esercito francese per imbarcarsi a

Napoli su una nave inglese, dove il Natale fu riconosciuto da marinai della sua diocesi, fu portato nel carcere della Vicaria di Napoli, poi al Castello del Carmine e infine condannato alla forza il 20 agosto 1799 in pubblico nel Largo del Mercato.

Nel 1800 fu inviato in esilio a Marsiglia sotto la minaccia di pena di morte se fosse tornato senza permesso reale.

Ritornato in Italia, nel 1804 sposò Barbara Invitti dei principi di Conca

In seguito si ammalò e si stabilì con la moglie in San Prisco, nel palazzo di

Giovan Battista Boccardi nella Strada della Piazza [attuale Via Michele Monaco] dove morì il 16 ottobre 1816.

FONTI

  • Archivio Comunale di Capua presso la Biblioteca del Museo Campano di Capua, Catasto Onciario della città di Capua, n. 1146.
  • Archivio di Stato di Napoli, Regia Camera della Sommaria, Patrimonio, Catasti Onciari, S. Prisco.
  • Archivio di Stato di Caserta, Stato Civile, S. Prisco n. 9, morti, a. 1816.
  • Filiazione dei rei di Stato condannati dalla Suprema Giunta e dai Visitatori generali in vita ed a tempo di essere asportati dai reali domini, Napoli 1800.
  • Cenni storici biografici di monsignor Michele Natale, vescovo di Vico Equense, a cura di Felice Provvisto, Pomigliano d’Arco 1999.
  • L. RUSSO, San Prisco nel Settecento, di prossima pubblicazione.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza i cookie per una migliore esperienza di navigazione.

Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.

Approvo